• Con l’introduzione, alla fine del xix secolo, del ferro nella realizzazione delle strutture, la tecnologia delle costruzioni, fino ad allora basata sulla muratura, subì una profonda rivoluzione. Questa nuova tecnologia cambiò non solo le metodologie costruttive, ma influì anche sullo sviluppo delle scienze applicate alle costruzioni. Per le costruzioni murarie, caratterizzate da un materiale dotato di scarsa resistenza a trazione, il problema che più spesso si pone è quello di realizzare delle configurazioni equilibrate, piuttosto che degli elementi sufficientemente resistenti, come è confermato dalla maggior parte dei contributi teorici del secolo precedente. Al contrario le costruzioni in ferro (e quelle in cemento armato, che nasceranno successivamente) di solito non presentano problemi di equilibrio, garantito da vincoli spesso sovrabbondanti, ma presentano problemi di resistenza in quanto, essendo ora questa affidata a parti distinte da quelle funzionali, gli elementi resistenti devono essere dimensionati unicamente in vista della loro funzione.

  • La legge 2359 del 1865 è la prima legge in cui compare l'espressione "piano "regolatore". E' una legge che si occupa di espropri, non è una vera e propria legge urbanistica. Questa legge dice che i PRG si fanno a valor di mercato. Legge di Napoli, 1885: per affrontare una terribile epidemia di colera si fa un progetto di risanamento per i quartieri spagnoli. Si occupa sempre delle indennità di esproprio: media tra valor di mercato e fitti decennali. Si possono mettere dei limiti alla proprietà privata e limiti anche alla possibilità di esproprio— questa diatriba tra possibilità di esproprio e limiti dello stesso è una lunga storia che si è risolta nel 2003 con una legge simile a quella del 1885 (legge di Napoli).

Pagine