• Grandissimo filosofo e matematico. Una delle menti più grandi della sua epoca.

  • Eraclito fu uno di più importanti e famosi filosofi dell'antica Grecia

  • Trattazione del sogno sviluppata attraverso un breve e personale viaggio nell’arte, nella filosofia, nella letteratura con riflessioni ed analisi soggettive. L’obiettivo non è di trattare tutti i vari e molteplici aspetti dell’argomento ma quello di svilupparne alcuni che ritengo i più interessanti.

  • In seno all’illuminismo si sviluppa, l’empirismo inglese, che pone le basi della filosofia moderna di cui si è affidata la paternità a Locke. Esso è il punto d’incontro tra il pensiero inglese e: -Il cartesianesimo: da cui desume e terminologia -La rivoluzione scientifica: da cui deriva la necessità dell’esperienza e di una nuova metodologia del sapere. La ragione empirica è data dall’insieme dei poteri limitati dell’esperienza, intesa come: - Fonte e origine del processo conoscitivo; - Metro di giudizio delle tesi delle tesi dell’intelletto: esse sono valide solo se verificate empiricamente.

  • Progetto: realizzare un'opera sistematica: "Elementa Philoso-phie" divisa in tre parti: De corpore (Fisica), De homine (Antropologia), De cive (Politica); Finalità - fondare una comunità sociale ordinata e pacifica - basata su una filosofia razionale che escluda: - rivelazione soprannaturale - principium auctoritatis - tradizione

  • Chateaubriand riassunse così la sua biografia :Ci fu un uomo che a 12 anni, con aste e cerchi, creò la matematica; che a 16 compose il più dotto trattato sulle coniche dall’antichità in poi; che a 19 condensò in una macchina una scienza che è dell’intelletto; che a 23 anni dimostrò i fenomeni del peso dell’aria ed eliminò uno dei grandi errori della fisica antica; che nell’età in cui gli altri cominciano appena a vivere, avendo già percorso tutto l’itinerario delle scienze umane, si accorge della loro vanità e volse la mente alla religione

  • Definizione: dicesi di tutte quelle concezioni gnoseologiche (teorie della conoscenza) che individuano il fondamento della conoscenza nell'esperienza sensibile spazio temporalmente determinata e conoscibile attraverso i sensi.

  • Kant finora ha esposto solamente la prima parte del suo pensiero: - Estetica e Analitica: Fondare la validità del sapere scientifico; Ora invece, comincia ad esporre la seconda: - Dialettica: Verificare se la metafisica è valida come scienza.

  • “La natura è un ordine oggettivo”: la natura è un oggetto totalmente privo di qualità e attributi antropomorfici di ordine morale, psichico e fisico, al contrario di quanto si riteneva nell’ambito della cultura tradizionale (magia, umanesimo e rinascimento, scolastica). Va considerata come una realtà a se stante senza proiettarvi le qualità proprie dell’uomo.

  • L’incapacità di utilizzare la ragione ha fatto sì che nel corso della storia, la vita umana fosse dominata da forze irrazionali. Le cose da combattere sono l’autorità, la violenza, la fede, la superstizione e la tradizione.

Pagine