• La situazione all'inizio della metà dell’800 è completamente diversa da quella francese. Non ci sono le premesse economiche, politiche e culturali perché si affermi un movimento come quello del realismo coubertiano.

  • Beato Angelico è il nome, trasformato così dalla tradizione, di Guido di Pietro, nato fra il 1395 e il 1400, poco prima di Masaccio, a Vicchio, in provincia di Firenze, e morto nel 1455 a Roma, Dopo aver svolto per due anni attività di pittore e miniatore a Firenze, nel 1418 Beato Angelico entrò nel convento domenicano di Fiesole col nome di frà Giovanni, dove prese gli ordini verso il 1425

  • Figlio di María Picasso López e di José Ruiz Blasco, professore di disegno alla Scuola d'arti e mestieri di Málaga, fu allievo del padre, dal 1895, alla Scuola di belle arti a Barcellona. Frequentò il cabaret “El Quatre Gats”, dove conobbe Nonell Monturiol, Casas, attraverso i quali venne a conoscenza del postimpressionismo francese nell'interpretazione dei peintres de la vie moderne, che caricavano l'indagine sociale di una accentuazione espressionistica (Toulouse-Lautrec, ma soprattutto Forain, Steinlen).

  • Paul Cézanne nasce ad Aix en Provence, nel 1839. Figlio di un banchiere, vive quindi in una famiglia borghese agiata economicamente, compì gli studi classici, dove ebbe modo di stringere una profonda amicizia con Emile Zola, poi quelli di diritto, per non contrariare eccessivamente il padre, contrario alle sue aspirazioni artistiche.

  • Aldo Moro nacque a Maglie, in provincia di Lecce, il 23 Settembre 1916. A quattro anni si trasferì con la famiglia a Taranto dove conseguirà la maturità Classica al Liceo “Archita”. Si iscrisse presso l’Università degli studi di Bari alla Facoltà di Giurisprudenza, dove si laurea con una tesi su “la capacità giuridica penale”.

  • Tesina su "1984: i Totalitarismi e l’Illusione della Libertà".

  • Il periodo della storia europea compreso tra il 1870 e lo scoppio della prima guerra mondiale è stato definito Belle Epoque, in quanto la Francia era al centro di questo movimento. E’ stata veramente "un’epoca bella" per l'eccezionalità dello sviluppo civile, economico e culturale.

  • Storia - Geografia - Letteratura - Musica - Arte; Storia: Prima di iniziare a parlare della Rivoluzione Russa bisogna dire che questa ebbe un precedente: La comune di Parigi, un governo rivoluzionario costituito nel 1871 dai comunardi che per primi cercarono di realizzare un governo sperimentando i più avanzati principi del socialismo: casa e lavoro per tutti, istruzione gratuita e diffusa a tutte le classi sociali, partecipazione dei proletari alla vita politica, la terra distribuita equamente al popolo.

  • Cos'è la Resistenza, se si va a cercare su vocabolario italiano la voce resistenza si trovano almeno una decina di definizioni diverse, ognuna legata ad diverso campo (scientifico, fisico, militare,…). Comunque tutte hanno un fattore in comune: la resistenza è un fenomeno che si oppone ad un altro fenomeno, sia quest’ultimo una corrente che tende a scorrere, il moto di un punto materiale, la tendenza di un tessuto a lacerarsi, o la dominazione opprimente di un regime tiranno. È questa la resistenza che si è sviluppata con l’avvento del nazifascismo, e che vogliamo studiare, nella sua unicità e nelle sue diverse forme.

  • Con l’espressione “il ‘68” si indica un fenomeno storico-sociale vasto e complesso sviluppatosi negli anni intorno al 1968 in varie parti del mondo. Un sociologo americano, Wright Mills, già nel 1960 segnalava come imminente la nascita di un movimento di “giovani intellettuali”, cioè di studenti stanchi del sistema sociale e che erano pronti ad operare con i metodi più radicali.

Pagine