• Appunti di Analisi I

  • Rassiunto del libro ANALIZZARE LA COMUNICAZIONE di Andrea Semprini La comunicazione si diffonde rapidamente nelle società contemporanee e occupa un posto sempre più grande nello spazio pubblico. L’identificazione di uno spazio di contenuto specifico che definiamo: spazio testuale per il testo, spazio discorsivo per l’enunciazione e spazio socioculturale per il fuori testo sociale dovrebbe articolare il problema delle relazioni. Si cercherà di fare emergere una sociosemiotica, intesa come disciplina che studia l'inscrizione del senso all'interno delle pratiche sociali. Le analisi proposte del programma sociosemiotico cercano: Doppio obiettivo: di tipo metodologico: cioè il fatto di avvicinare(studiare) la comunicazione dal basso, dalle sue occorrenze, da esempi specifici, attraverso le comunicazioni e non la comunicazione. E di tipo teorico.

  • Comprendere le differenze comporta l’assunzione di uno sguardo ampio e attento ai fenomeni legati alla specificità dei nostri ambienti. Utilizzare una sociologia dei processi che nei contesti differenziati non coglie solo quanto acquisito dalla trasformazione programmata, ma anche i fattori che producono il cambiamento. La crescita della differenziazione ha prodotto nuove gerarchie e complicato il problema della costruzione dell’identità ed ai fini di una convivenza si è oggi costretti ad andare oltre la reciprocità intrinseca al sistema, quindi alle stesse identità di ruolo, per sostituire a queste l’identificazione persona. La sociologia ha sicuramente aiutato l’analisi della differenza sia come fattore di struttura dei contesti moderni, sia come dimensione che si lega alla percezione soggettiva della differenza e della distanza

  • L’audiovisivo pubblicitario nelle sue varie forma (spot,promo,trailer e videoclip) è una presenza costante nella comunicazione mass-mediatica. Lo spot pubblicitario è un prodotto molto presente nel nostro quotidiano ma tuttavia poco accessibile. Ecco perché ci si propone di andare a descrivere semioticamente ogni singolo spot pubblicitario. Per prima cosa però è opportuno vedere come si è evoluto il rapporto tra pubblicità e semiotica negli ultimi 40 anni.Infatti in seguito all’evoluzione del linguaggio pubblicitario sono iniziate delle riflessioni della disciplina della semiotica, dalle pioneristiche analisi di Roland Barthes e Umberto Eco che ci hanno portato a una sofisticata analisi dei testi verbo-visivi.Quindi si vuole vedere come si possono analizzare i filmati pubblicitari attraverso gli strumenti semiotici.

  • Peirce propone una classificazione dei segni molto complessa, da cui tuttavia si possono isolare tre tipi principali di segni: le icone, gli indici e i simboli. Questa tricotomia fondamentale si fonda sulla considerazione del segno in relazione al suo oggetto. I segni sono identità complesse in cui possono coesistere diverse caratteristiche. Il segno è un’entità stratificata, e che dunque i segni convenzionali possono avere margini di motivazione, così come i segni motivati possono avere ,argini di convenzionalità . Analizziamo lo SPOT “Nescafé” poichè questo è un filmato pubblicitario che ci sembra particolarmente adatto ad applicare all’audiovisivo la teoria della narratività nella sua versione più tradizionale. È un’analisi basata sul “percorso generativo del senso

  • I tradizionali metodi quantitativi di indagine in molti casi si rivelano insufficienti nei mercati segmentati a struttura complessa. In queste situazioni il consumo è controllato non solo da variabili di tipo socioeconomico ma anche da fattori psicosociali. È importante conoscere non solamente come si distribuiscono le opinioni entro la popolazione ma anche il “perché” delle medesime. L’approccio qualitativo mira ad individuare le motivazioni soggiacenti ai comportamenti manifestati o dichiarati dai consumatori. Nelle ricerche creative(euristiche) si producono idee si raccolgono spunti e suggerimenti. Non si misura,si inventa….non si rileva,si genera.

  • Le ricerche quantitative prevedono la costruzione di un campione rappresentativo della popolazione l’esplorazione mediante interviste(telefoniche, postali, personali, on line.)Qualunque sia il metodo di campionamento è importante stabilire quali caratteristiche contraddistinguono la popolazione e quali criteri devono soddisfare i soggetti per poter essere arruolati nel campione .

  • Dispensa di Analisi Matematica