• Pur ammettendo con Aristotele che l'anima è forma sostanziale del corpo, Tommaso afferma che l'anima dell'uomo è spirituale e sussistente, possiede cioè un essere autonomo rispetto al corpo. A differenza del corpo, infatti, l'anima conosce l'universale e all'autocoscienza; essa pertanto non muore quando il corpo si corrompe.

  • Accurata relazione sul pensiero di S. Agostino con accenni alla sua biografia. Figlio del decurioni Patricio e di Monica studiò a Cartagine; condusse una vita dissipata, ed ebbe, nel 372, da una delle donne da lui amate un figlio legittimo, Adeodato. Insegnò retorica a Roma e a Milano (384) in giovinezza seguì l'eresia manichea, in che nel 386 abbracciò il cattolicesimo con il battesimo. Ordinato sacerdote nel 391 e nel 395-396 divenne vescovo di una succedendo al vescovo Valerio. Si dedicò agli studi teologici filosofici e la sua dottrina fu accettata dalla Chiesa nel sinodo di Orange del 529 e in quello di Valenza. Morì il 28 agosto 430.