• Farinata, come uno dei capi della fazione avversa Firenze guelfa, è stato, senza dubbio, responsabile delle sciagure e di lutti abbattutisi sulla patria all'indomani dell'infausta giornata di Montaperti, che vide “L’Arbia colorata in rosso”. Quell'esecrabile scempio, però, che i fiorentini non riescono a dimenticare, fu un'azione politica attuata in difesa di un ideale contro avversari in armi, per una causa creduta giusta e santa. Firenze si rivela quindi doppiamente ingrata verso i suoi migliori figli che, in cambio di essi e di persecuzioni, le hanno donato salvezza e di immortalità: Farinata e Dante, rivali in politica, hanno caratteri fieri, leali e sono assetati di giustizia e sono insieme nell'unico sublime amor di patria.