• Le questioni bioetiche sorte grazie alle innovazioni medico-scientifiche degli ultimi decenni, attanagliano il mondo della filosofia del diritto: si tratta di questioni-limite che portano l’uomo a confrontarsi con la sfera più intima del suo io, portandolo a farsi delle domande che mai avrebbe pensato di porsi. Tali problemi, però, non rilevano solamente all’interno della dimensione individuale, essi si riflettono nella società e, quindi, nel diritto. All’interno di questo elaborato viene intrapreso un percorso nella riflessione che si focalizza, principalmente, nell’analisi dell’indirizzo giusnaturalistico che necessariamente si richiama nel concetto di bioetica.

  • La formazione dello Stato moderno e la teoria politico - giuridica di Thomas Hobbes Quando noi parliamo di "validità delle norme" implicitamente dichiariamo quelle norme, obbligatorie sotto il profilo giuridico. Ma cosa significa obbligatorietà? Naturalmente si tratta di vincolabilità o un qualche tipo di coercizione. Ma qual è il rapporto tra obbligatorietà giuridica e quella morale? Una cosa è certa: validità giuridica significa anche obbligatorietà giuridica. L'origine dell'obbligatorietà giuridica sta nella formazione dello Stato moderno.

  • La scienza è una costruzione artificiale, di carattere logico e linguistico. Non rispecchia la realtà, ma è soltanto un reticolo di concetti convenzionali. L’uomo non può conoscere veramente la natura e le cause dei fenomeni perché non lui, ma Dio, è l’autore del mondo. Al contrario può conoscere la politica perché essa è costruzione completamente umana. Per la natura la ragione non può fare altro che elaborare concetti individuali delle cose. Il linguaggio è la più straordinaria invenzione dell’uomo. La stampa rispetto all’alfabeto non è gran cosa. Gli antichi hanno chiamato le parole ‘signa’, cioè segni convenzionali, che seervono per significare i concetti delle cose.

  • Progetto: realizzare un'opera sistematica: "Elementa Philoso-phie" divisa in tre parti: De corpore (Fisica), De homine (Antropologia), De cive (Politica); Finalità - fondare una comunità sociale ordinata e pacifica - basata su una filosofia razionale che escluda: - rivelazione soprannaturale - principium auctoritatis - tradizione