• IMPRESA = Organizzazione economica che,mediante l’impiego di un complesso differenziato di risorse, svolge processi di acquisizione e di produzione di beni o servizi, da scambiare con entità esterne al fine di conseguire un reddito. L’impresa rimane un sistema complesso all’interno del quale si intrecciano elementi tangibili ed intangibili, immobilizzazioni materiali ed immateriali, mezzi tecnici ed intelligenze, risorse finanziarie ed umane, secondo un disegno finalizzato, in ogni caso, alla produzione e diffusione di valore Le scorte sono molto importanti perché equilibrano i processi di approvvigionamento,produzione e vendita. La gestione delle scorte è importante per diverse motivazioni: tutela verso il mercato di fornitura, economie di acquisto, tutela verso eventuali errori e garantire continuità al processo operativo

  • Pubblicità comparativa indica quel tipo di comunicazione d’impresa con la quale l’azienda o il prodotto pubblicizzati vengono messi a confronto con le altre aziende o prodotti. Identifica in modo esplicito o implicito un concorrente o beni o servizi offerti da un concorrente. Alcuni ritengono che la pubblicità comparativa debba essere favorita perché aiuta i consumatori ad orientare le proprie scelte d’acquisto; altri invece dicono che la comparazione diretta è illecita perché atto di concorrenza sleale. Le due normative che regolano la pubblicità comparativa sono la legge dello stato con l’art.22 del codice del consumo e per l’autodisciplina l’art.15 C.A.P.

  • La comunicazione d’impresa si intende l’insieme delle modalità attraverso cui l’azienda comunica se stessa, la propria identità e le proprie capacità e competenze ai diversi pubblici che nutrono interesse nei confronti della sua attività al fine di stabilire una relazione. La costruzione di un’immagine aziendale coerente e positiva dipende da una corretta gestione dei suoi flussi comunicativi.

  • Le organizzazioni sono fenomeni culturali, politici ed economici. Sono ‘sociali’ in tutto il loro essere: si compongono di persone, le quali, diversamente da fattori materiali: Interpretano le situazioni che vivono; Esercitano il loro potere discrezionale decidendo di ignorare, valutare, o accettare uno stimolo, un input. L’attività esercitata da un’organizzazione (e dai suoi membri) è generalmente strumentale, anziché significativa da un punto di vista intrinseco. Si pensi all’ottenimento di bonus, allo status, all’acquisizione di nuova conoscenza, o ancora al semplice obiettivo di ottenere profitti. L’impresa identifica il complesso di beni e persone organizzato per la produzione di determinati beni o servizi, il cui ammontare viene determinato in relazione alla domanda che ne farà il mercato, con la finalità di raggiungere specifici obiettivi di tipo economico.Le imprese sono, dunque, un sotto-insieme della macro categoria delle organizzazioni

  • La gestione è un complesso di decisioni e di attività svolte dall’impresa per raggiungere le finalità dei soggetti coinvolti appunto nella sua operatività. L’obiettivo è di scegliere l’ambiente transazionale e competitivo di riferimento dell’azienda. La strategia definisce con quale o con quali contesti specifici l’azienda entrerà in contatto,pur rimanendo collegata all’ambiente in senso generale.

  • L’impresa svolge una varietà di ruoli nei confronti di chi vi partecipa,del mercato e del’ambiente socio – economico e costituisce allo stesso tempo una realtà sociale, giuridica, economica ed organizzativa Esiste una complementarità tra le tre funzioni ciascuna delle quali è essenziale per le altre e quindi per la vita aziendale. Queste funzioni sono strettamente legate e bisogna ricercare un equilibrio tra loro. Quando l’impresa trova il suo spazio nel mercato e soddisfa i bisogni dei consumatori, può remunerare i vari fattori della combinazione produttiva.

  • La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere possibile tale trasformazione. È l’insieme di operazioni mediante il quale le risorse acquistate dall’impresa sono tramutate in prodotti finiti da collocare nel mercato. Il ciclo produttivi/processo di produzione si pone al centro del processo di gestione, dovendo essere preceduto dalla fase di approvvigionamento(imput lavoro,materiale,impianti e attrezzature,capitali) e la fase della vendita/distribuzione(output:beni e servizi).

  • La logistica è il sistema di connessione tra l’approvvigionamento dei materiali, la trasformazione produttiva e il collocamento dei prodotti realizzati. La funzione logistica si occupa di pianificare,realizzare e controllare i flussi fisici dei materiali ed i relativi flussi informativi,dal punto di origine (evasione dell’ordine da parte del fornitore) a quello di destinazione (ricevimento della merce da parte del cliente).

  • Lezione di diritto privato sulla nozione di impresa. L’impresa è una attività continuativa e costituita da fatti: ciò significa che si fa impresa, si è insolvente a prescindere o contro la propria volontà: quello che conta non è la volontà del soggetto ma ciò che i terzi hanno diritto di ritenere che quel soggetto voglia verificandosi certe circostanze di fatto.

  • In questi appunti parlerò dell'imprenditore, del sistema legislativo, la nozione generale di imprenditore, attività produttiva, l’organizzazione, impresa e lavoro autonomo, economicità dell’attività e scopo di lucro, professionalità, le categorie di imprenditori, la differenza fra imprenditore agricolo e imprenditore commerciale, il ruolo della distinzione, le attività agricole essenziali dell'imprenditore agricolo, le attività esercitate dall'imprenditore commerciale, piccolo imprenditore, l’impresa artigiana, l'impresa familiare, impresa collettiva e impresa pubblica, l’impresa societaria, attività commerciale delle associazioni e delle fondazioni, l’impresa sociale, l'acquisto della qualità di imprenditore, esercizio diretto dell’attività d’impresa, inizio e fine dell’attività d’impresa, incapacità e incompatibilità.

Pagine