• L'immagine competitiva di una marca viene costruita agendo fondamentalmente su due fattori: A La brand awareness, cioè il grado di conoscenza e di familiarità del consumatore con la marca, B La brand image, formata da: caratteristiche intrinseche, quelle insite nel prodotto e che derivano dalle materie prime impiegate, dal modo di combinarle, dal design o da qualche peculiarità presente nel processo produttivo. Anche la storia del prodotto e la sua originalità possono essere annoverate fra le qualità intrinseche; valori estrinseci, proiettati sulla marca attraverso gli altri elementi che, oltre al prodotto, costituiscono il marketing mix: prezzo, packaging, distribuzione, promozioni e comunicazione. Valori estrinseci sono quei fattori che, pur non essendo contenuti nel prodotto, possono essere ad esso correlati e percepiti dal consumatore come rilevanti: dal punto di vista personale e sociale.

  • MARCHIO: dal punto di vista commerciale, è un segno distintivo utilizzato dal produttore/imprenditore sulle merci prodotte o commercializzate, in modo da poterle identificare.Il marchio ha una natura segnica, grafico – visiva. MARCA: dal latino “matgo” (margine, confine, limite), indica l’universo dei valori e delle emozioni costruito intorno al marchio.La marca ha una natura comunicativa; è un mondo possibile in cui il consumatore desidera identificarsi.

  • Giampaolo Fabris, punto di riferimento nell’ambito della sociologia della comunicazione. Ha proposto un’interessante riflessione sull’ampio tema della marca nel suo testo di recente pubblicazione “valore e valori della marca”. La complessità e la ricchezza del “discorso di marca” che “ha valore in quanto introietta e trasmette forti valori”. Fabris si interroga sulla possibilità di costruire un equità di spessore e individua nel dialogo costante e continuativo con il consumatore la chiave per quei building blocks Dialogare sempre, predisponendosi al feedback e osservando, studiando, analizzando uno scenario sociale che è dinamico per eccellenza.

  • Il marketing consiste nel soddisfare i bisogni della gente traendone profitto. Nel marketing sono implicite un complesso di attività che hanno precise finalità e obiettivi e che sono poste al servizio di realtà economico-imprenditoriali. Le linee evolutive del marketing in modo da poterne meglio comprendere quei meccanismo che hanno finito per dare “peso crescente alla componente immateriale dei beni di consumo”.L’affermazione del valore della marca( sempre + comunemente definita come brand equity ovvero valore equo, giusto) oltre il puro e semplice valore delle merci.

  • Il ciclo di vita del prodotto descrive le fasi che un prodotto attraversa nel mercato,dall’introduzione fino all’uscita (come l’offerta si evolve nel tempo). Nella gestione del ciclo di vita del prodotto il product manager può optare tre soluzioni: MODIFICA DEL PRODOTTO(per rinnovare un prodotto si può dotarlo di nuove caratteristiche); MODIFICA DEL MERCATO e RIPOSIZIONAMENTO DEL PRODOTTO(cambiare la posizione che esso occupa nella mente del consumatore).