• La singolare, visionaria arte di Gustave Moreau appare distante sia dalle innovazioni del realismo e dell'impressionismo sia dal rigore classico dell'arte accademica. Le sue tele elaborate riccamente decorate, la sua interpretazione estremamente personale di soggetti mitologici biblici, non ultima, la riservatezza della sua vita privata hanno contribuito a far nascere il mito di un artista isolato dal mondo. I critici lo hanno spesso etichettato come pittore simbolista, definizione che l'artista rifiutò sempre con vigore. Egli cercò di creare un'arte che si rivolgesse soprattutto all'immaginazione dell'osservatore; estremamente attento al colore, alla linea e alla forma, introdusse inoltre brillanti sorprendenti innovazioni tecniche stilistiche.