• Una grande quantità di prove ha convinto la maggior parte degli astronomi che l'universo ha avuto origine in un momento di tempo ben definito, circa 15 miliardi di anni fa, nella forma di un globo caldissimo, super denso, di irradiazione di energia. Questa ipotesi è nota come il modello del big bang dell'origine dell'universo.Fino agli anni 20 gli astronomi pensavano che l'universo consistesse solo in quella che noi oggi conosciamo come la galassia della Via Lattea e che fosse essenzialmente eterno e immutabile. Le singole stelle potevano percorrere il loro ciclo vitale morire per essere però sostituite da nuove stelle. Il primo chiaro indizio che l'universo potesse evolversi nel tempo fu fornito dalla teoria della relatività generale sviluppata da Einstein, una teoria dello spazio-tempo che offre una descrizione matematica completa dell'universo.

  • Appunti consigliati per lo studio del pianeta marte Marte è il quarto pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole e l'ultimo dei pianeti di tipo terrestre dopo Mercurio, Venere e la Terra. Viene chiamato il Pianeta rosso a causa del suo colore caratteristico dovuto alle grandi quantità di ossido di ferro che lo ricoprono. La sua superficie presenta formazioni vulcaniche, valli, calotte polari e deserti sabbiosi

  • Come e perché si è formato l’universo e che cosa succederà dell’universo, alla fine? Il pro­blema, in una forma o nell’altra, deve essersi presentato come oggetto di riflessione sin dai tempi immemorabili, per quel comune bisogno dell’uomo di sapere.

  • La cosmologia studia la struttura, l'origine e l'evoluzione dell'universo. Il fondamento della cosmologia moderna è il cosiddetto principio cosmologico (Milne 1933). Secondo tale principio l'universo deve essere fondamentalmente omogeneo (il suo aspetto non dipende dal punto di osservazione) ed isotropo (il suo aspetto è il medesimo in tutte le direzioni) su grande scala e soggetto ovunque alle stesse leggi fisiche, in modo tale che un qualsiasi osservatore, posto in un qualsiasi punto di esso, sia in grado di osservarne le medesime caratteristiche e di giungere ai medesimi risultati.